Pagine

sabato

FEBBRAIO: CORTO E AMARO!

E' un detto proverbiale che rispecchia la saggezza dei nostri avi.
Mai così vero, se si pensa al clima di questi giorni: è nevicato anche da noi. Mi è venuto in mente, riflettendo sui risultati raggiunti dagli alunni in questo periodo, verificati con delle prove scritte che ho cercato di realizzare sul tipo di quelle INVALSI. Un disastro è dir poco! Persino quelli che io giudicavo positivamente hanno ottenuto risultati inattesi: 8 è il voto massimo raggiunto da pochi. Certo non ne terrò conto per il voto finale sulla scheda di valutazione, ma mi rimane l'amaro in bocca.
In attesa di maggio e delle prove INVALSI, abbiamo deciso, per le seconde e le quinte, di stabilire delle date per delle simulazioni e una è stata fatta proprio ieri, con lo scambio dei docenti; devo ammettere che non è andata male. Sarà stato che erano le prime prove che furono realizzate per le classi quarte? Chissà, vedremo i risultati delle prossime simulazioni. 


INVALSI: SOLO CROCE E SENZA DELIZIA!

2 commenti:

CioccoMamma ha detto...

Odiose prove... ma poi serviranno davvero agli alunni???? Mi vien da pensare che erano meglio gli esami di quinta, lì almeno c'erano anche le facce delle insegnanti con cui avevi lavorato e che ti conoscevano

Maestra Wanda ha detto...

Hai perfettamente ragione. Per me non servono a niente se non a far perdere tempo prezioso. Non servono a valutare gli alunni, mettendoli a confronto con altri di altre località: ogni classe è un'isola a sè. Ripristinerei gli esami che io consideravo come il banco di prova per quelli futuri e gli alunni si impegnavano maggiormente.